Montonale è una giovane Cantina del Lugana che in pochi anni sta conquistando grande considerazione. Trae origine da una tradizione famigliare avviata all’inizio del Novecento. Dopo un periodo di pausa dovuta ad una successione, nel 2002 l’attività vitivinicola riparte da tre fratelli – Roberto, Claudio e Valentino Girelli – e da un solo ettaro; da cisterne in cemento vetrificate a mano. Si torna sui banchi di scuola, e dalle prime 800 bottiglie imposte ad amici e parenti si punta a crescere.  Nel 2005 arrivano altri cinque ettari ed i tre fratelli si buttano sempre più a capofitto nell’ impresa. Nel 2012 arriva la nuova cantina di vinificazione e gli ettari in produzione sono diventati 25 su un terreno fatato da antiche argille, ricco di scheletro e calcare, che conferisce alle uve un grande potenziale in mineralità, finezza e aromaticità, essenziali per ottenere vini di estrema eleganza. I fratelli Girelli hanno scelto di seguire i dettami dell’agricoltura integrata. A Montonale si fertilizza con sostanze naturali, humus e stallatico, e si pratica l’inerbimento sull’interfila. All’invaio sono effettuate sfogliature e diradamenti severi: nelle annate propizie si ha una alleggerimento del carico d’uva del 10-15 per cento, ma nel problematico 2014 si è sfiorato il 50 per cento. La tignoletta è monitorata e combattuta tramite la confusione sessuale, con ampolle di ferormoni, evitando l’impiego di insetticidi. Non si utilizzano allergeni per chiarificare e i solfiti si mantengono a quote basse: 75 mg/l è il valore medio della solforosa totale all’imbottigliamento.
Montunal, dal nome dialettale della località, è un Turbiana 100% affinato 6 mesi in acciaio sulle fecce nobili. Al naso, glicine bianco, agrumi, cedro, minerale di pietra bagnata chiaramente percebile, erba appena tagliata, un erbaceo complessivamente persistente. Al palato è molto fresco, ampio, finale di agrumi senza alcuna nota ammandorlata, molto invitante alla beva, tornano le sensazioni minerali. Finale lungo ancora di note di cedro ed erbacee. Un Lugana nobile. Da avere sempre in cantina. 98/100

Facebooktwitterlinkedininstagramflickrfoursquaremail