Era il 1987 quando tra le vigne di Torre Rosazza nacque l’idea di produrre un vino diverso rispetto a quanto proponeva la tradizione friulana del tempo. Da questa esigenza nacque l’Altromerlot, probabilmente il primo vino friulano ad essere lungamente affinato in barrique di rovere francese, “altro” appunto dal merlot che si poteva assaggiare a quel tempo. Venti annate dopo, l’Altromerlot è diventato uno standard di eleganza indiscusso e rimane ancora “altro” come segno di un’attenzione particolare, senza compromessi e senza interruzioni che dal vigneto arriva fino in tavola. Le uve, vendemmiate rigorosamente a mano con selezione in pianta, vengono diraspate e poste in vinificatori d’acciaio a temperatura controllata, dove mosti e bucce rimangono in contatto per 8/10 giorni. Segue completa fermentazione malolattica e poi un lungo affinamento in barrique di rovere di Allier, che si protrae almeno per 24 mesi.
Di colore rosso rubino intenso e vivace. Al naso si spande in profumi delicati di piccoli frutti a bacca rossa e mirtilli, per poi richiamare sentori di muschio e bosco. In bocca si avverte immediatamente il lignaggio del vino, di cui l’eleganza è l’attributo più evidente. Riempie il palato con la sua morbidezza e richiama la confettura di frutti rossi, per poi evolvere in sentori discreti di legno. Lunga la persistenza.
Uve: Merlot 100% Provenienza: Oleis di Manzano, vigneti di proprietà Tipologia di terreno: Marne eoceniche Altitudine: 200 – 250 m s.l.m. Metodo di allevamento: Guyot Densità d’impianto: 4.000 ceppi per ettaro Resa delle uve: circa 65 quintali per ettaro

Facebooktwitterlinkedininstagramflickrfoursquaremail