Codorníu Raventós Group è entrato nella fase finale dei negoziati per vendere la quota di maggioranza della sua attività al Carlyle Group, che all’inizio di quest’anno ha già acquistato Accolade Wines per 1 miliardo AUS$. Gli investimenti proverranno dalla Carlyle Europe Partners, un braccio europeo di Carlyle -fondo statunitense di private equity (un colosso fondato nel 1987 da oltre 201 miliardi di dollari Usa investiti in oltre trecento aziende)
Quest’anno, Codorníu prevede di chiudere il suo esercizio con un EBITDA di €26 milioni, un miglioramento “significativo” rispetto all’anno precedente e in linea con il piano strategico a lungo termine della società. «Questo accordo contribuirà a rafforzare l’azienda all’estero e consolidare e dare continuità alla nostra strategia, incentrata sulla costruzione di marchi pregiati e prestigiosi – ha detto Maria del Mar Raventós, nella foto, Presidente di Codorníu – dopo aver analizzato le nostre varie opzioni, abbiamo raggiunto un consenso, concordando su una soluzione che ha un sacco di potenziale e prende una visione a lungo termine sulla leadership per l’azienda».
Codorníu Raventós è il più antico produttore di Cava a conduzione familiare in Spagna, con 10 Cantine in tutta la Spagna, Argentina e California e oltre 3.000 ettari di vigneti.
Alex Wagenberg, Managing Director di Carlyle Europe Partners, ha aggiunto: «Codorníu Raventós è un’azienda eccezionale, pronta per la leadership mondiale nella cava e nell’industria vinicola. L’azienda ha un certo numero di marchi di prima classe, che sono ben posizionati nel mercato. Speriamo di costruire su questa traiettoria di successo, sostenendo l’azienda con la crescita della sua impronta globale, sia organicamente e attraverso acquisizioni, e per migliorare ulteriormente la sua posizione in vini di qualità. Siamo orgogliosi di sostenere un business con una storia così forte e patrimonio. Nell’aprile scorso, Carlyle Group ha acquistato i vini di riconoscimento australiani per au $1 miliardo (£548 milioni), che comprende le etichette Hardys e Banrock Station. L’accordo con Codorniù dovrebbe chiudersi entro l’ano dopo le verifiche delle Autorità di controllo.

Facebooktwitterlinkedininstagramflickrfoursquaremail