Riccardo Illy, nipote del fondatore del caffè Illy, è alla ricerca di un partner di investimento per aiutare la divisione non-caffè dell’azienda – che comprende vino, cioccolata e tè – ad avvicinarsi ai 470 milioni di euro di vendite annuali generate dalla parte del caffè.
Come riportato dall’agenzia Reuters, Illy, 63 anni, sta offrendo una quota del 40% nel business del valore di 100 milioni di euro, che include la compagnia di tè francese “Dammann Frères”, la marmellata “Agrimontana”, l’azienda vinicola “Mastrojanni” e il produttore di cioccolato italiano “Domori”.
È stato riferito che sta anche cercando vigneti a Montalcino e Barolo per produrre “vini italiani pregiati”.
Suo fratello Francesco possiede già il Podere Le Ripi a Montalcino, che acquistò nel 1998. Successivamente, nel 2003, Francesco piantò l’allora “vigneto più fitto di Montalcino” con 11.000 viti su un ettaro. Un paio di anni dopo, creò un altro vigneto sperimentale con 62.500 viti a soli 16 pollici di distanza. Producendo raccolti molto bassi, chiama le sue viti “bonsai”.
Da allora Francesco ha trasformato la tenuta del Podere Le Ripi in biodinamica e ha convinto i suoi fratelli Riccardo e Andrea ad acquistare il vicino Mastrojanni nel 2008, che ora fa parte del Gruppo Illy. Podere Le Ripi, d’altra parte, non lo è.
Dopo aver lasciato il business principale del caffè due anni fa per concentrarsi sulla diversificazione, Riccardo Illy desidera introdurre un investitore di private equity entro la fine del prossimo anno.
Come parte del piano, il Gruppo Illy intende elencare separatamente le sue attività non legate al caffè, a cominciare dal marchio di tè Dammann Frères nei prossimi due o tre anni e seguito dalla società di cioccolato Domori. Insieme, queste aziende rappresentano l’80% dei 53 milioni di euro che compongono le vendite totali della divisione non-caffè di Illy.
Illy ha detto a Reuters che il capitale delle aziende del tè e del cioccolato sarà reinvestito nel vino.
“Il vino è una passione. Stiamo cercando una cantina o vigneti nelle zone di Montalcino o Barolo da acquisire l’anno prossimo “, ha detto.
Ha rivelato di avere già avuto interesse da investitori di fondi di private equity in Italia, nel Regno Unito e in Francia.
“Con il giusto partner finanziario, alcune acquisizioni e tanta fortuna potrebbero volerci dieci anni per raggiungere le vendite di caffè. Altrimenti ce ne vorranno almeno 20 “, ha detto.

Facebooktwitterlinkedininstagramflickrfoursquaremail