La storica tenuta trentina San Leonardo lancerà il suo primo spumante metodo tradizionale nell’ottobre 2019. «Il terroir trentino è l’ideale per produrre spumanti di alta qualità – ha dichiarato il marchese Carlo Guerrieri Gonzaga (nella foto col figlio Anselmo). – Volevamo creare un metodo tradizionale scintillante in grado di competere con il meglio della Franciacorta, e in effetti con lo Champagne», ha aggiunto.

La prima incursione di San Leonardo negli sparkling wines è un Blanc de Blancs – base 2015 – vinificato come “Metodo Classico”, con 3 anni di maturazione sui lieviti. Solo le uve Chardonnay saranno utilizzate nella miscela, per il momento.

Vintage 2015 uscirà a ottobre, con il marchio Marchesi Guerrieri Gonzaga. Sono state prodotte 20.000 bottiglie della cuvee inaugurale, con un prezzo al dettaglio suggerito di 26 euro. Guerrieri Gonzaga ha dichiarato che un numero crescente di produttori in Trentino sta sostituendo le loro uve rosse locali come Teroldego con varietà adatte alla produzione di spumante, sebbene abbia sottolineato che molti produttori producevano vini dallo stile charmat per il consumo precoce.

«I coltivatori si stanno rendendo conto che con le imitazioni di Prosecco c’è denaro facile e mi aspetto che la produzione frizzante cresca drammaticamente in Trentino nel prossimo decennio, anche se Trento DOC rimane il bastione della qualità» ha affermato.

Inoltre, San Leonardo intende piantare più Carmenère nella tenuta – secondo il Guerrieri Gonzaga, la varietà cilena cresce sorprendentemente bene in Trentino. “Nel nord-est dell’Italia, la Carmenère può raggiungere una certa rilevanza all’interno delle miscele bordolesi. “Intendiamo piantare di più e addestrarlo alla Pergola trentina per migliorare la freschezza e l’eleganza dei nostri vini, e al Guyot per la concentrazione di frutta e spezie, che definisce lo stile di San Leonardo.”

San Leonardo produce solo il 100% di vino di Carmenère in “annate speciali” autoproclamate, come ad esempio il 2007, il 2010 e il 2015 (in uscita a ottobre). “Sono state prodotte solo 6000 bottiglie del 2015”, ha dichiarato Guerrieri Gonzaga. “È anche l’ingrediente magico dei vini di San Leonardo, in particolare nel fiore all’occhiello di San Leonardo c’è un 30% di Carmenère che conferisce un’identità unica.”

Facebooktwitterlinkedininstagramflickrfoursquaremail