Per la prima volta dalla sua creazione nel 1982, la Denominazione d’origine di Ribera del Duero produrrà vini bianchi quest’anno. Entro un anno, le prime bottiglie di bianco coperte dalla denominazione inizieranno ad essere commercializzate, grazie a 600.000 chili di uve albilla mayor, una varietà autoctona, raccolta nella vendemmia 2019, che si è appena chiusa con una produzione totale di 96.000 tonnellate, il 23,2% in meno rispetto alle 125.000 dell’anno precedente.

Non sarà la prima volta che Ribera del Duero usa l’albilla mayor. Infatti, dall’origine del DO, questa varietà è stata utilizzata, non più del 5%, per integrare e migliorare i rossi e i rosé, unico impiego ammesso secondo lo statuto della DO, come spiegano Enrique Pascual e Miguel Sanz, presidente e ceo del consiglio di regolamentazione di DO. Tuttavia, il regolamento è stato recentemente modificato per consentire – appunto – la produzione di vini bianchi, con almeno il 75% di albilla mayor, varietà che una volta raggiungeva il 30% della superficie della zona e che oggi raggiunge appena il 3%.

«L’albillo rischia di scomparire» dice Pascual, che spera che la produzione di vini bianchi serva a recuperare la varietà. In ogni caso, non sarà una grande produzione, circa 50.000 bottiglie. «È un vitigno difficile, un vino di alta qualità e poca quantità: il suo obiettivo commerciale non sarà quello di competere con i bianchi delle denominazioni Rueda o Rioja» auspicio Sanz. Dovremo aspettare circa un anno per assaggiare le prime bottiglie, mentre negli anni a venire arriveranno le riserve.

Nonostante la novità, i bianchi saranno solo una piccola parte della produzione, quella del 2019, che ha raggiunto i 96 milioni di chili. Sono 29 in meno rispetto ai 125 dello scorso anno, quando è stato raccolto il secondo raccolto più alto nella storia del fare, dopo il 2016, con 133 milioni di chili. «È stato un anno secco, che ha ottenuto una spinta dell’ultimo minuto dal tempo, con le piogge di fine agosto e settembre, che ha dato all’uva una qualità molto buona» dice Pascual. Il 30% saranno vini giovani e il resto passerà attraverso le botti.

Il raccolto 2019 consentirà la produzione di 85 milioni di bottiglie, che saranno vendute ad un prezzo medio di circa cinque euro: il 10% destinate all’estero. Nel 2018 le esportazioni sono state pari a 11 milioni di litri, che hanno portato 123 milioni di euro ai viticoltori DO, ad un prezzo medio superiore a 11 euro al litro, che contrasta con la media di 2,42 euro al litro di tutti i vini spagnoli confezionati expo 2018.

Le principali destinazioni per i vini Ribera del Duero sono Svizzera, Messico, Stati Uniti, Germania e Cina. La recente imposizione da parte degli Stati Uniti di tariffe del 25% su prodotti spagnoli e altri europei non influisce troppo sul DO, perché tassano vini di meno di 14 gradi, che sono poco prodotti nei 23.000 ettari del Do Ribera del Duero , che è diviso tra le province di Burgos, Valladolid, Soira e Segovia.

Facebooktwitterlinkedininstagramflickrfoursquaremail