Tanto tuonò che piovve. Prima la conferma delle date dopo aver saputo che il Vinitaly non avrebbe rinviato le sue. Poi un avviso con le norme di sicurezza ulteriore che avrebbe intrapreso per la sicurezza di espositori e visitatori. Poi, davanti ai numeri del coronavirus in Germania, la resa: Prowein 2020 viene rinviato. Questo il comunicato stampa ufficiale:

«La Messe D’sseldorf GmbH rinvia ProWein 2020. In stretto coordinamento con tutti i partner coinvolti, l’azienda discuterà prontamente una data alternativa al fine di garantire che la pianificazione possa procedere in modo affidabile. Il rinvio colpisce anche l’iniziativa “ProWein va città” parallela a ProWein.
In tal modo, stiamo seguendo la raccomandazione del team di gestione delle crisi del governo tedesco di prendere in considerazione i principi dell’Istituto Robert Koch quando si effettua una valutazione del rischio dei grandi eventi. Sulla base di questa raccomandazione e del recente aumento significativo del numero di persone infette, anche in Europa, la Messe D’sseldorf ha rivalutato la situazione. A ciò si aggiunge l’incertezza di numerosi espositori e visitatori di ProWein e la complicata situazione di viaggio, soprattutto per i clienti internazionali.

Werner M. Dornscheidt, Amministratore Delegato di Messe Dusseldorf GmbH: “I nostri clienti, partner e dipendenti si fidano di noi. Non solo per quanto riguarda la gestione professionale e di successo di grandi eventi internazionali a Dusseldorf. Possono anche avere questa fiducia in noi quando prendiamo decisioni su situazioni critiche nell’interesse della loro sicurezza”.
“Questa decisione non è stata facile per tutti gli interessati”, afferma
Thomas Geisel, sindaco della città di Dusseldorf e Presidente del Consiglio di Sorveglianza di Messe D’sseldorf GmbH. clienti in considerazione degli sviluppi sempre più dinamici».

A questo punto resta in pista soltanto il Vinitaly. A fine aprile, su Verona, si concentreranno le speranze di far decollare l’annata 2020 per i produttori di vino, italiani ed internazionali.

Facebooktwitterlinkedininstagramflickrfoursquaremail