Lo scoop è del magazine francese Terre de Vins: Michel Rolland, e la moglie Dany, cedono il 60% della propria società di flying winemaker ai tre più stretti collaboratori, prevedendo una graduale uscita anche dal 40% restato in loro possesso.

Scriva il magazine d’Oltralpe: «Consegnando a tre dei suoi dipendenti la maggior parte delle partecipazioni del laboratorio di enologia che ha sollevato al top con la moglie Dany, Michel Rolland sta passando la mano liscia a una nuova generazione di enologi anche se il pensionamento non è tuttavia attuale.
Gli avevamo posto la domanda appena 18 mesi fa, in un’intervista nel suo laboratorio di Pomerol: “C’è una vita dopo Michel Rolland?” A quel tempo, l’iconico viticoltore volante, 46 vendemmie all’attivo – ora sono già 47 – stava pensando di ritirarsi, cedendo la società che lui e sua moglie Dany hanno contribuito a far arrivare al successo. Tuttavia, 18 mesi fa, non era necessario essere un grande mago per indovinare che il successore, il figlio spirituale, sarebbe stato Julien Viaud (personaggio molto noto in Italia, mercato che segue direttamente da diversi anni, assieme al fidato amico Costantino Gabardi, ndr ) che lavora con Michel e Dany Rolland dal 2006.

All’inizio dell’anno, la famiglia Rolland ha venduto il 60% della partecipazione del laboratorio a tre stretti collaboratori: Julien Viaud, Jean-Philippe Fort e Mikael Laizet. Michel, Dany Rolland e la loro figlia Stephanie conservano il 40% fino ad oggi, con una graduale uscita dalla partecipazione prevista nei prossimi cinque anni. Il laboratorio Rolland diventa così “Rolland and Associates“.

Lanciato nei primi anni ’70, il percorso di Michel e Dany Rolland è una storia di successo inseparabile da una certa idea di vino moderno, che ha contribuito a riportare i vini di Bordeaux sotto i riflettori e ha ampliato le sue ramificazioni in tutto il mondo, dalla California all’Argentina.
Una nuova generazione sta superando gli esami – spiega Michel Rolland – . Il futuro del laboratorio è ora nelle loro mani. Sono felice di poter passare il testimone in buone condizioni, ai dipendenti in cui ho piena fiducia e con i quali lavoro da molto tempo. Questo laboratorio è ancora molto importante, con quasi 240 clienti in tutto il mondo – e sarebbe stato un peccato se non avesse continuato. È quindi un grande motivo di soddisfazione per vedere che la sua sostenibilità è assicurata. Non mi ritiro, continuerò la mia attività in relazione a una dozzina di proprietà francesi che mi stanno a cuore e che accompagno personalmente, ma anche con gli Stati Uniti e con il Sud America. A parte tutto questo ho intenzione di fare sempre meno“.

Dal punto di vista operativo, Julien Viaud e Stephanie Rolland stanno ora co-gestendo il laboratorio. Un nuovo impulso è già stato dato, con investimenti per modernizzare l’attrezzatura al ritmo di centomila euro. Per Julien Viaud, questo è un primo passo necessario per rispondere in modo più efficace alle aspettative dei domini. “Dobbiamo essere più reattivi e offrire soluzioni ai nostri clienti, dobbiamo semplificare le analisi quotidiane, andare oltre su strumenti digitali, imaging informatico, modellazione delle malattie della vite e le sue nuove attrezzature ci aiuteranno.” Il secondo passo, secondo Julien Viaud, è quello di “porre le domande giuste“. Egli spiega: “Negli ultimi anni sono stati compiuti enormi progressi in termini di vino come vino, abbiamo acquisito precisione in tutti i settori, ma a volte c’è una mancanza di trasparenza, di leggibilità. Penso in particolare alle norme ambientali, tra le quali anche i professionisti hanno difficoltà a ritrovarsi e che permette a tutti di dire quello che vogliono. Dobbiamo rimettere la scienza, l’analisi e la tracciabilità al centro della nostra attività. Oggi siamo in grado di fornire risposte estremamente precise, nella conoscenza del materiale vegetale, la condotta del vigneto come nell’uso chirurgico di prodotti fitosanitari, e fornire un accompagnamento razionale, senza dogmatismo, con integrità. Oggi a Bordeaux c’è una notevole esperienza su questi argomenti, vogliamo contribuire a loro e andare oltre“.
Che dire dello stile dei vini, se ci fosse un Rolland “stile”? “Non veniamo a scuotere tutto quello che Michel ha fatto“, dice Julien Viaud. “Michel ha contribuito ad avviare una rivoluzione nell’enologia, soprattutto in termini di maturità dell’uva: ha fatto una campagna per la raccolta di uve sane e mature, in un momento in cui non sempre era così – e intendiamo continuare questa tradizione, quella della giusta maturità. Accompagnando il più possibile gli itinerari del vino per affinare il profilo aromatico dei vini, perché vogliamo contribuire a realizzare vini locali – vini digeribili, vini che vendono e bevono. E questo non è contrario al rigore scientifico.”

Facebooktwitterlinkedininstagramflickrfoursquaremail