La società francese di spirits ha annunciato di aver avviato trattative con la famiglia Lhopital per l’acquisto di una partecipazione di maggioranza nello Champagne de Telmont importato e distribuito in Italia da Fraser a Lazzeretto, Cerreto Guidi (FI). Rémy Cointreau nove anni fa aveva ceduto la sua divisione Champagne al gruppo di beni di lusso EPI per 412 milioni di dollari nel 2011, dopo aver messo in vendita i suoi marchi Piper-Heidsieck e Charles Heidsieck l’anno prima.

Fondato nel 1912, Champagne de Telmont è a conduzione familiare ed ha sede a Damery, vicino a Epernay, nella Valle della Marna. La casa produce vino sotto l’etichetta “J. de Telmont” ed è attualmente presieduta dalla quarta generazione della famiglia. Nell’ambito dell’accordo, Bertrand Lhopital, insieme al suo team, continuerà a lavorare per la casa, mantenendo i vigneti, gestendo l’approvvigionamento dell’uva e supervisionando la produzione. L’investimento comprende i marchi, le scorte, le risorse di produzione, i beni immobiliari e i vigneti della casa. Rémy Cointreau spera di completare l’affare nel terzo trimestre dell’esercizio 2020/21. Il gruppo, che ha un portafoglio di 12 marchi, ha recentemente ultimato l’acquisizione della casa Cognac JR Brillet.

In una dichiarazione, l’azienda ha detto che l’acquisizione di Champagne de Telmont “arricchirebbe il portafoglio di vini e liquori eccezionali con un marchio di Champagne di fascia alta che offre notevoli potenziali straordinari di crescita, soprattutto sul mercato internazionale”. Champagne de Telmont produce cinque diverse gamme di Champagne. Dal 2017, oltre un terzo delle uve che utilizza è certificato biologico, o sono in fase di conversione. Le condizioni finanziarie dell’operazione non sono state rese note.

Facebooktwitterlinkedininstagramflickrfoursquaremail